Lilliput – A piccoli passi nei musei, che diventano #amisuradibambino

Lilliput è un paese immaginario della prima parte del libro I viaggi di Gulliver. In Liguria, invece, Lilliput è un progetto reale dedicato ai più piccoli e alle loro famiglie, che martedì 26 marzo 2019 è stato presentato a Genova, negli spazi di Palazzo Reale. Lilliput – A piccoli passi nei musei vuole promuovere la cultura come punto cardine per la crescita culturale e sociale dei bambini.

Le parole chiave che caratterizzano il progetto sono condivisione, crescita e divertimento. Lilliput – A piccoli passi nei musei vuole stimolare le famiglie a vivere gli spazi museali in modo attivo, partecipando all’ideazione di nuovi percorsi che siano interessanti e stimolanti per genitori e figli. Secondo i dati Istat, solo il 46% degli istituti museali della regione organizza attività didattiche, mentre non risultano, anche a livello nazionale, dati relativi alle attività specifiche dedicate alle famiglie.  Il progetto Lilliput – A piccoli passi nei musei vuole trasformare i musei liguri in luoghi attraenti anche per le famiglie, con attività a misura di grandi e piccini.

Lilliput – A piccoli passi nei musei vede coinvolte realtà attive in ambito culturale e pedagogico su tutto il territorio ligure: noi di We Love Moms siamo capofila del progetto; accanto a noi c’è la società Sublime,  capitanata da Elisa Moretto con la quale fianco a fianco abbiamo scritto questo meraviglioso progetto; il Polo Museale della Liguria, il Museo Diocesano di Genova, l’associazione di promozione sociale Circolo Vega, lo studio di illustrazione Rebigo, la rivista Andersen, 101giteinliguria.it, il portale dedicato alle famiglie e ai bambini, Alessandro Mazzone e Beatrice Sarosiek.

I musei della Liguria coinvolti nel progetto sono sei, diversi tra loro per struttura e contesto: Museo Diocesano (Genova), Forte San Giovanni (Finale Ligure), il Museo Preistorico Nazionale dei Balzi Rossi (Ventimiglia), la Fortezza Firmafede (Sarzana), il Museo Archeologico Nazionale di Luni (Luni) e Villa Rosa – Museo dell’Arte Vetraria Altarese (Altare) .

Rivolto a un pubblico dell’infanzia che va dagli 0 ai 10 anni e alle famiglie, il progetto punta a cambiare il modo di vivere gli spazi museali. La prima fase del percorso vedrà coinvolte attivamente le famiglie, che verranno chiamate a fare una gita ai musei coinvolti nel progetto. Una volta conclusa la visita al museo, verrà chiesto alle famiglie un questionario di gradimento, che servirà a capire che cosa possa essere migliorato; ai bambini, poi, verrà chiesto di partecipare a un’attività pratica per capire come trasformare una visita al museo in un’esperienza interessante e soddisfacente.

Per l’occasione alle famiglie coinvolte verranno offerti l’ingresso al museo, la merenda e il trasporto per raggiungere i musei liguri da raggiungere partendo da Genova (per iscriversi e partecipare al progetto basta inviare una mail all’indirizzo info@circolovega.it, oppure telefonare al numero 340 7033592).

Il progetto prevede poi la trasformazione dei musei #amisuradibambino, con modifiche infrastrutturali e con la realizzazione di percorsi di visita museali differenziati, per rendere unica l’esperienza sia per il target kids, sia per il target genitori.

Francesca Baroncelli
(redazione We Love Moms)

Lascia un commento

X
X