Cani & Bambini: come costruire un bellissimo rapporto!

La convivenza in famiglia tra cani e bambini è cosa bella, auspicabile e sempre più diffusa. Purtroppo ogni tanto si leggono casi di cronaca in cui i bambini vengono morsi dai cani di famiglia.

Come mai?

Come scongiurare una simile sciagura?

Cominciamo con il dire che in presenza di incidenti del genere la colpa non è imputabile né ai primi né ai secondi.

Entrambi infatti, per differenti motivazioni, non possono assumersi la responsabilità della relazione, per questo, noi adulti, noi genitori, noi proprietari, dobbiamo sempre supervisionare le loro interazioni, stando attenti a proteggere entrambi.

Cani e bambini non vanno mai e per nessuna ragione lasciati da soli: il bambino non può comprendere tutti i segnali che il cane invia, per questo potrebbe fare inconsapevolmente cose molto fastidiose nei suoi confronti; il cane potrebbe sentirsi di conseguenza costretto a reagire per interrompere la situazione a lui sgradita.

 

Ecco alcune semplici regole per una serena convivenza fra cani e bambini

 

  • Rispetto degli spazi e delle proprietà

È importante che il bimbo rispetti gli spazi e i giochi del cane. Non è corretto né prudente lasciare che il bambino tiri le orecchie, strappi i giochi dalla bocca o salga in groppa al cane, anche se lui non reagisce male. Non è ragionevole aspettarsi che il cane non reagirà mai.

Esiste un codice comportamentale anche nel linguaggio relazionale canino: ai cuccioli viene normalmente insegnata la “buona educazione” dagli esemplari adulti e prima o poi la “sgridata” potrebbe toccare anche al cucciolo d’uomo… generando nella migliore delle ipotesi un forte spavento che poteva essere evitato. Il bimbo non può sapere quali cose siano poco rispettose, perciò sta a voi insegnargli come rapportarsi in modo corretto con il cane prevenendo situazioni spiacevoli a entrambi.

 

  • Tanta pazienza

Se il cane fa qualcosa che non ci piace chiediamoci il perché, senza sgridarlo, ma cercando di comprendere quale disagio abbia generato la sua reazione. L’arrivo di un bambino è un momento delicato per tutti i membri della famiglia e i nostri amici a quattro zampe non fanno eccezione. È necessario un tempo di adattamento in cui ogni membro della famiglia possa abituarsi alla nuova situazione. Questi tempi sono soggettivi. Se in famiglia abbiamo più animali ognuno di loro avrà bisogno di tempi differenti.

 

  • Insegnare ai bimbi a comprendere i segnali del cane

Appena il bimbo avrà l’età per poter osservare e comprendere i comportamenti e i segnali che il cane mette in atto, insegnateli a riconoscerli, in modo che lui stesso possa imparare a capire cosa piace o non piace al suo amico peloso.

E voi conoscete il linguaggio del corpo dei cani??? I nostri amici a quattro zampe comunicano molto più di noi attraverso il corpo ma non sempre noi proprietari sappiamo comprendere i loro segnali. Farsi affiancare da un educatore cinofilo e approfondire l’argomento con qualche lettura specifica può essere molto utile e rendere la relazione con il nostro cane più intensa e appagante.

 

  • Momenti di condivisione

Create momenti di attività condivise, in cui possano divertirsi sia il cane che il bambino, così da gettare le basi per una bellissima relazione fra di loro. State però attenti a non scegliere attività che agitino troppo il cane in modo da mantenere l’intensità del gioco in un ambito di sicurezza.

 

  • Non dimenticarsi del cane e dei suoi bisogni

Talvolta può succedere che – all’arrivo del bambino – il cane venga momentaneamente isolato o messo in secondo piano. Questo creerà inevitabilmente frustrazione e insicurezza nel nostro animale e potrebbe innescare comportamenti indesiderati. Inoltre il sentirsi messo da parte renderà molto difficile l’instaurarsi di un bel rapporto fra lui e il nuovo bebè.

 

  • Attenzioni singole

Cercate di ritagliarvi momenti solo per voi e il vostro cane. Non è facile ma è fondamentale! L’arrivo di un bimbo modifica completamente la routine famigliare, ma è importante mantenere alcune delle vecchie abitudini, come una bella passeggiata o momenti di gioco insieme, farà bene a voi e permetterà al cane di affrontare meglio il cambiamento.

 

  • È meglio evitare di prendere un cucciolo di cane quando si aspetta un bimbo

Sebbene l’idea di crescerli insieme possa sembrare molto bella, la realtà è che difficilmente si riuscirà a dare a entrambi le attenzioni singole di cui hanno bisogno. Un cucciolo di cane, esattamente come un cucciolo d’uomo, ha bisogno di essere accompagnato nella propria crescita: ciò significa attenzioni, occasioni di socialità anche con i propri simili, tempo dedicato all’apprendimento delle regole di casa, movimento adeguato. I bisogni di un cucciolo di cane e quelli di un bebè sono molto differenti: appagare entrambi potrebbe rivelarsi molto molto complicato.

Questi pochi consigli possono già da soli strutturare nel migliore dei modi la convivenza tra cani e bambini. Se però si presentano situazioni che sentite difficili da gestire non aspettate e affidatevi ad un educatore cinofilo che di certo saprà aiutarvi a comprendere meglio e risolvere il problema.

 

Chiara Denevi

Mamma, laureata in psicologia, educatrice cinofila

Lascia un commento

X
X